February 02, 2017
Perché studiare in un’università italiana?

Perché studiare in un’università italiana?

La classifica che vi proponiamo riguarda i risultati ottenuti nei diversi ambiti di studio, a livello mondiale, dagli atenei nazionali, secondo la QS TopUniversities. Molte volte, infatti, si discute solamente dei problemi delle Università italiane, dei limiti alla ricerca e delle poche possibilità lavorative offerte ai laureati. Oggi vogliamo invece parlare dei pregi dei nostri atenei e dei risultati che questi riescono a ottenere.

 

5- Scienze biologiche mediche e veterinarie

medicina StuDocu università classifica

Le prime posizioni, a livello mondiale, sono occupate dalle università inglesi e americane, grazie alla reputazione accademica dei loro dipartimenti e ai grandi nomi nel personale docente. In Italia il primo istituto che troviamo scorrendo la graduatoria è l’Università di Milano che, rispetto all’anno precedente, guadagna 7 posizioni e passa al 79esimo posto. Ciò risulta possibile soprattutto grazie alla facoltà di Veterinaria, la quale si piazza al 47esimo posto al mondo. Poco più indietro troviamo l’Alma Mater Studiorum di Bologna che vanta una buona reputazione del proprio personale accademico e La Sapienza di Roma che si distingue per le pubblicazioni dei suoi professori.

 

4- Scienze dell’antichità, filologiche-letterarie e storico-artistiche

macchina da scrivere stuDocu università classifica

La prima università è Oxford, seguita da Harvard. Le due si contendono il primato insieme a Cambridge. In Italia invece, troviamo l’Alma Mater Studiorum di Bologna, che si colloca al 28esimo posto in Europa. Poco dopo, al 36esimo, troviamo La Sapienza di Roma, in cui spicca il corso di Archeologia. Questo dimostra di essere un’eccellenza che accresce la reputazione accademica della facoltà e migliora la sua performance globale. Gli investimenti effettuati in questa specifica disciplina le hanno permesso di passare dal 101esimo al 15esimo posto al mondo nel giro di un anno.

 

3- Scienze naturali

orizzonte StuDocu università classifica

Questo settore considera materie di studio quali la chimica, la fisica e le geoscienze come geofisica o l’astronomia, ovvero tutte le tecniche che utilizzano metodi scientifici per comprendere il mondo naturale. È il Massachusetts Institute of Technology (MIT) che si aggiudica il primato in classifica. Lo stesso istituto è anche considerato il primo a livello mondiale tra le università in generale e il secondo per numero di studenti che trovano lavoro subito dopo la laurea. Per quanto riguarda l’Italia, la prima università è La Sapienza di Roma all’80esimo posto. L’ateneo è anche il più grande in Europa e risulta essere il primo, come prestigio, nella speciale classifica delle Università del Sud Europa. La Sapienza è seguita a ruota dal Politecnico di Milano che, nell’ultimo anno, ha migliorato la sua posizione superando ben 37 atenei a livello mondiale.

 

2- Scienze sociali ed economiche

economia StuDocu università classifica

Mentre a livello mondiale le più importanti istituzioni universitarie risultano essere quelle americane, in Europa si conferma il dominio degli atenei di origine britannica. Dominio però interrotto in quinta posizione dall’Università L. Bocconi di Milano, che sale al 22esimo posto a livello mondiale (3 gradini in più rispetto a un anno prima). Grazie alla presenza di personaggi di spicco tra i suoi professori e a corsi fortemente internazionalizzati, l’ateneo si distingue per i corsi di Business Management in cui è decimo al mondo. Tra le università statali si conferma invece l’Alma Mater Studiorum di Bologna. Questa eccelle per le carriere offerte agli studenti grazie ai buoni rapporti internazionali e un’offerta formativa ricchissima.

 

1- Ingegneria civile, elettronica, meccanica e architettura

Milano StuDocu università classifica

Ecco il vero fiore all’occhiello delle università italiane! Al 24esimo posto a livello globale troviamo infatti il Politecnico di Milano, i cui corsi di Arte e Design sono considerati tra i primi dieci al mondo. Ciò è possibile anche grazie alle numerose collaborazioni con personaggi di spicco, ed ex studenti, quali ad esempio Renzo Piano o Aldo Rossi. Il Politecnico è anche 37esimo nella speciale classifica che riguarda la reputazione dei laureati, aspetto che garantisce un buon grado di occupazione lavorativa. Al 66esimo posto si colloca invece il Politecnico di Torino, che pur non essendo classificato tra gli atenei “enormi”, riesce a garantire elevati livelli di ricerca e corsi particolarmente specializzanti e formativi.

 

Questi sono solamente alcuni dei risultati ottenuti dagli istituti italiani. È importante sottolineare come tutte le università cerchino di differenziarsi e di creare qualcosa di nuovo, che spesso non può essere semplicemente inserito in una classifica. Ricordatevi che in una classifica non si possono inserire neppure tutti i rituali scaramantici che le nostre storiche sedi hanno generato tra gli studenti! Date un’occhiata a questo post e capirete di cosa stiamo parlando!

 

Scritto da: Alessandro

Related posts
Saltare la scuola può essere bello, ma per quanto?  Siamo abbastanza sicuri che ormai tutti abbiano sentito la parola “corona”
Uno stile di vita sostenibile deve essere anche costoso?Non esattamente! Uno stile di vita "verde" o sostenibile implica anche un modello di consumo migliore e meno di impatto per
StuDocu è famoso per essere una piattaforma dedicata alla condivisione della conoscenza. Ma cosa sappiamo di cio che succede dietro

Leave a Reply

Your email address will not be published.