May 22, 2018
Festa della Repubblica Italiana: cosa celebriamo?

Festa della Repubblica Italiana: cosa celebriamo?

Il 2 giugno è festa nazionale: si celebra la nascita della Repubblica Italiana. Purtroppo, le vere e proprie festività interessano solo Roma, dove si svolge la consueta maestosa parata delle Forze dell’Ordine. Contrariamente a ciò che avviene in altri stati (es. Francia, Olanda, Stati Uniti), la Festa della Repubblica Italiana non è molto sentita nel resto del Paese. Nelle altre città italiane non si respira il clima festoso che, invece, pervade la capitale. Tutto ciò porta, inevitabilmente, a sentirsi meno partecipi e – a volte – anche a dimenticare l’importanza di ciò che avvenne quel 2 giugno di neanche troppi anni fa.

Proviamo, allora, a far riaffiorare nella nostra memoria quello che abbiamo imparato tempo fa sui libri di scuola. Vedremo quali sono le ragioni storiche che hanno portato alla nascita della nuova forma di governo e come oggi si celebra la Festa della Repubblica Italiana.

Ragioni storiche: il Referendum

festa della repubblica italiana studocu referendum

Correva l’anno 1946. Il mondo intero era intento a ricucire le ferite provocate dalla Seconda Guerra Mondiale. In Italia si era ormai consolidato un forte malcontento nei confronti del Re Vittorio Emanuele III, considerato da molti complice – o, quanto meno, facilitatore – di Mussolini. Tra il 2 e il 3 giugno gli italiani furono chiamati alle urne per esprimere il proprio parere tramite un Referendum istituzionale. Fu chiesto loro di scegliere tra due forme di Stato: confermare la già esistente Monarchia o diventare una Repubblica Parlamentare. Per la prima volta nella storia del nostro Paese, il voto avvenne a suffragio universale: finalmente anche le donne poterono votare. L’Italia in quell’occasione si divise letteralmente a metà: le regioni del Nord si schierarono in massa a favore della Repubblica, mentre al Meridione prevalse di gran lunga la Monarchia. 12.718.641 voti andarono alla Repubblica, 10.718.502 alla Monarchia e 1.498.136 furono le schede bianche o nulle. Fu così che la Corte di Cassazione proclamò ufficialmente la nascita della Repubblica Italiana.

 

La Festa della Repubblica oggi

festa della repubblica studocu altare patria tricolore

La Festa della Repubblica viene oggi celebrata ogni anno il 2 giugno per ricordare il risultato del Referendum. Tuttavia, non è sempre stato così. Dal 1948 si fissò annualmente il 2 giugno fino al 1977, anno in cui – per ragioni economiche – si decise di fissarla alla prima domenica di giugno. Nel 1976, inoltre, le celebrazioni furono annullate a causa del violento terremoto che colpì il Friuli Venezia Giulia. Solo nel 2000 il governo Amato ristabilì la data ufficiale della festività al 2 giugno.

Oggi le celebrazioni ufficiali si svolgono a Roma. Lungo i Fori Imperiali della capitale si svolge la tradizionale parata delle forze armate. Tra i partecipanti figurano l’Esercito Italiano, la Marina e l’Aeronautica Militare, i Carabinieri, la Polizia, i Vigili del Fuoco, la Guardia di Finanza, il Corpo Forestale, la Croce Rossa, i Corazzieri, i Bersaglieri e altri corpi. Il cerimoniale prevede, inoltre, che il Presidente della Repubblica deponga presso l’Altare della Patria (in foto) una corona d’alloro in omaggio al Milite Ignoto. La mattinata si conclude con il passaggio delle spettacolari frecce tricolori che tingono il cielo romano di verde, bianco e rosso.

 

Giulia P.

Related posts
Uno stile di vita sostenibile deve essere anche costoso?Non esattamente! Uno stile di vita "verde" o sostenibile implica anche un modello di consumo migliore e meno di impatto per
StuDocu è famoso per essere una piattaforma dedicata alla condivisione della conoscenza. Ma cosa sappiamo di cio che succede dietro
Si torna a parlare di viaggi sul blog di StuDocu. Oggi in particolare parliamo della Scozia e di come visitarla

1 commento su “Festa della Repubblica Italiana: cosa celebriamo?”

Leave a Reply

Your email address will not be published.